ARPES_orgasmo

L’orgasmo è definibile come l’emblema dell’eccitazione, nonché la scarica di sensazioni corporee e psicologiche che concludono il picco dell’eccitazione sessuale.
Da un punto di vista fisico, potremmo definirlo come un insieme di contrazioni muscolari della regione pelvica a cui precedono e conseguono un aumento del battito cardiaco, della pressione sanguigna e del respiro. Tali azioni sono universalmente involontarie e di fatto controllate dal Sistema Nervoso Autonomo e dunque al di fuori del nostro controllo. Naturalmente l’orgasmo non ha una base meramente fisiologica ma
piuttosto profondamente psicologica. Le sensazioni che si provano sono infatti soggettive e possono venir attivate in modi diversi a seconda di cosa ci piace, di cosa proviamo, del partner, ecc.
La stimolazione che precede l’orgasmo è varia e correlata allo stato mentale del soggetto.
Tendenzialmente, esso consegue a stimolazioni fisiche e mentali che vanno ad aumentare il nostro stato di eccitazione e culminano nell’euforia orgasmica: negli uomini la stimolazione sessuale del pene comporta
orgasmo ed eiaculazione mentre, per le donne, quella del clitoride. Tale classificazione è però molto limitativa e non tiene conto delle numerose variabili che condizionano la sessualità. Ogni persona ha infatti
desideri diversi ed una propria visione di cosa aumenta il suo desiderio e cosa invece può spegnerlo. Nel rispetto della nostra ed altrui libertà sperimentiamo infatti cosa ci piace e cosa no, cosa apprezziamo per
noi stessi e cosa invece non ci fa sentire a nostro agio. È proprio nel rispetto della nostra libertà che permettiamo al nostro corpo di abbandonarsi alle intense sensazioni e di viverle nel modo più spensierato possibile. Per questo motivo, nella ricerca del piacere, è fondamentale parlare liberamente a noi stessi e al partner di cosa desideriamo e di cosa ci eccita sospendendo la paura del giudizio.
Riuscire a vivere una sessualità piena e soddisfacente comporta numerosi effetti positivi sulla salute mentale e fisica e tale affermazione è oramai consolidata in ambito clinico. Ad esempio, lo stato di euforia
e di rilassamento che conseguono l’orgasmo sono correlate al rilascio di sostanze chimiche come l’endorfina: quest’ultime ci fanno sentire più leggeri e felici e contribuiscono ad alleviare lo stress.
Al contrario, sentimenti di vergogna, colpa ed insicurezze legate anche al rapporto incidono sulla nostra mente, irrigidendoci e rendendo arduo riuscire a provare piacere.
Un possibile consiglio per migliorare il rapporto col nostro corpo e con la nostra mente è praticare la masturbazione: con essa impariamo a conoscerci, a capire cosa ci piace e cosa no e soprattutto ci permettiamo di sperimentare senza vergogna e senza pensieri. Dopo aver creato un rapporto migliore con noi stessi sarà ancora più facile svelarci ad un’altra persona e condividere con lei ciò che vorremmo: l’orgasmo molte volte non è sinonimo di piacere ma di libertà.

Dott.ssa Margherita Napoli
Dott.ssa Flavia Falasca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *